Glossario Domotica 2018


Domotica

La domotica si occupa dell'ccesutomazione dei dispositivi elettronici e meccanici presenti negli ambienti domestici, come l'apertura di porte e serramenti, oppure l'accensione di luce e riscaldamento. In particolare, la domotica si pone obiettivi di semplificazione delle routine domestiche, garantire la sicurezza delle persone e produrre risparmio energetico, attraverso l'ausilio di un sistema elettronico progettato per gestire in autonomia i processi ripetitivi e poco performanti, prima svolti dall'utente stesso.


Access Point

Letteralmente: Punto di accesso, è un ricetrasmettitore che usa onde radio per connettere reti cablate con dispositivi wireless o reti esclisivamente wireless. Nel primo caso viene collegato fisicamente alla rete su una porta del router, del bridge o dello switch mentre nel secondo caso svolge funzioni analoghe a uno dei dispositivi citati. L'Access Point utilizza più frequenze per comunicare con i client onde evitare interferenze dato il numero limitato di frequenze disponibili. E' anche possibile collegare tra di loro più Access Point per poter estendere la comunicazione mediante il roaming o consentire la realizzazione di reti di grandi dimensioni.


Carico (elettrico)

(a) Potenza massima disponibile all’uscita di un dispositivo. (b) In senso generico, qualsiasi apparecchiatura o dispositivo utile in grado di assorbire energia elettrica, come una lampadina o una lavatrice.


Ciclico

Comportamento di un congegno che ritorna ciclicamente al suo stato iniziale dopo un certo numero di stati intermedi indotti da un segnale esterno, come ad esempio i relè che invertono il loro stato ad ogni azionamento.


Comportamento

Insieme delle reazioni, interne ed esterne, manifestate da un dispositivo in presenza di un input interno o esterno. Il comportamento di un dispositivo intelligente può essere modificato mediante programmazione.


Cronotermostato

E' un dispositivo dedicato alla gestione del riscaldamento domestico. Il suo funzionamento è gestito da un timer impostato dall'utente. Diverse tipologie di cronotermostato si possono integrare nella domotica e utilizzarli come dispositivi di controllo dell'intero sistema e quindi, per esempio al cronotermostato si possono associare la gestione di un evento oppure più eventi in sequenza o scenari.


Datagramma

Pacchetto composto da dati e da un’intestazione che contiene le informazioni (indirizzo del mittente, indirizzo del destinatario etc.) necessarie alla consegna del pacchetto stesso. I datagrammi usati nei sistemi d’automazione sono definiti telegrammi.


ACK Abbreviazione inglese per “acknowledge” (conferma di ricezione)

È il codice utilizzato nelle trasmissioni dati per confermare la corretta ricezione del datagramma inviato da un altro dispositivo.


Attuatore

Dispositivo che effettua elettricamente o meccanicamente un’azione di regolazione o attua un comando ON/OFF. Sono attuatori i relè, i dimmer, le prese elettriche comandate, le elettrovalvole. In molti casi gli attuatori sono già contenuti nel terminale d’uscita.


Attuazione

Azione su un circuito elettrico o altro impianto che ne modifica lo stato. Un’attuazione può essere l’accensione di una lampada o la chiusura di una tapparella.


Bit/s

Unità di misura della velocità di trasmissione dei dati fra due dispositivi.


Dispositivo di comando

Dispositivo che invia un segnale al dispositivo d’ingresso. Sono dispositivi di comando gli interruttori, i sensori, i contatti etc.


Dispositivo d’ingresso

Dispositivo che contiene o a cui possono essere collegati uno o più dispositivi di comando e che trasforma i loro segnali in telegrammi inviati ai terminali d’uscita o ad altri dispositivi di controllo. Sono dispositivi d’ingresso i terminali d’ingresso, le interfacce d’ingresso e le unità di accoppiamento BCU.


Dispositivo d’uscita

Dispositivo al quale si collegano carichi elettrici e che trasforma i telegrammi ricevuti in regolazioni elettriche o in comandi ON/OFF (ad esempio commutazioni) o in impulsi di controllo per altri dispositivi. Sono dispositivi d’uscita i terminali d’uscita, gli attuatori, i dimmer, i controllori, le interfacce d’uscita etc.


Elettrovalvola

Valvola che apre o chiude un circuito idraulico, la cui parte meccanica è controllata da un dispositivo elettrico e non manualmente.


Evento

Fatto che si verifica per una causa accidentale o al raggiungimento di una determinata condizione, ad esempio un certo tempo trascorso.


Gateway

Dispositivo usato per collegare due reti diverse o due sistemi che trasmettono con protocolli diversi.


Half-duplex

Sistema di comunicazione o dispositivo che consente di trasmettere e ricevere, ma non contemporaneamente.


Interfaccia

Dispositivo che consente di collegare e far interagire tra loro dispositivi con caratteristiche tecnologiche diverse oppure di utilizzare mezzi di trasmissione diversi. Si definisce interfaccia anche l’insieme delle informazioni e dei possibili comandi che viene presentato all’utente su display o altri dispositivi analoghi.


NAK

Abbreviazione inglese per “not acknowledge” (ricezione non confermata). È il codice utilizzato nelle trasmissioni dati per avvisare un altro dispositivo che il datagramma inviato è stato ricevuto con errori.


Nodo

In senso astratto, un nodo è il punto d’intersezione di uno o più percorsi del canale di comunicazione (bus o radiofrequenza). In senso pratico, un nodo è un qualsiasi dispositivo i-bus EIB o DomusTech.


NRZ

Codifica di un segnale digitale che richiede due soli valori fisici (ad esempio di tensione) per rappresentare gli 0 e gli 1. 0 1 0 1 Predefinito (a) Stato o valore iniziale di un dispositivo prima della programmazione o quando viene resettato. (b) Valore determinato in altra sede e che non può essere cambiato dal programmatore.


Scenario

Insieme di eventi programmati che si attivano in conseguenza di uno specifico comando o di un particolare evento che si manifesta nel sistema. Lo scenario può essere avviato dall'utente oppure da un input specifico, per esempio un principio di allagamento oppure un preciso orario della giornata. La forma dello scenario viene impostata dall'utente sulla base delle personali esigenze e questo avviene in modo flessibile e senza l'intervento del tecnico installatore.


SELV (Safety Extra Low Voltage)

Bassissima tensione utilizzata per alimentare dispositivi che non presentino rischi di folgorazioni. I circuiti SELV devono essere separati, isolati da terra e con un’alimentazione autonoma o di sicurezza ad alto isolamento.


Sensore

Dispositivo che rileva il valore di una grandezza fisica — come temperatura, umidità, luminosità, presenza di gas, movimento od altro — o le sue variazioni nel tempo. Esempi di sensori sono i sensori crepuscolari, i termometri, i segnalatori ad infrarossi, i rivelatori di gas e di presenza, i sensori di vibrazione, i rivelatori ottici di fumo, i rivelatori d’acqua.


Telegramma

Messaggio scambiato fra due o più dispositivi del sistema d’automazione che contiene un ordine — o una conferma d’ordine o un altro tipo d’informazione — necessario al funzionamento del sistema stesso. Touch screen Letteralmente “schermo a sensibilità tattile”, è uno schermo che permette all’utente di interagire col sistema toccando delle aree sensibili dello schermo.


UPS (Uninteruttible Power Supply)

Alimentatore d’emergenza dotato di batterie che può fornire l’alimentazione elettrica ad un sistema. Serve a evitare le interruzioni di servizio causate da mancanze temporanee dell’alimentazione elettrica di rete.


Doppino

E' sinonimo di cavo bus. Le informazioni gestite dalla domotica vengono trasmesse per mezzo di un unico cavo bus e non tramite il fascio di cavi elettrici impiegati nei sistemi tradizionali. Il cavo bus consente di trasmettere, ad elevate velocità, un'ampia serie di informazioni in grado di connettere fra di loro più dispositivi utilizzando un unico cavo, semplificando notevolmente il progetto di elettrificazione e le opere murarie. Il cavo bus non trasmette solo la corrente elettrica ma informazioni in forma di pacchetti di dati.


Dorsale tecnologica

La dorsale tecnologica rappresenta lo scheletro che consente il funzionamento della domotica, composto da moduli e cavo bus. Ogni modulo è contraddistinto da intelligenza artificiale e indipendente: non esiste un unico centro operativo. La trasmissione dei dati necessari alla comunicazione e al funzionamento della domotica, organizzati in pacchetti, viene gestita secondo una intelligenza distribuita fra i singoli moduli, per mezzo del cavo bus. In caso di malfunzionamento di uno di essi, l'impianto produce auto organizzazione e rimane in funzione per la restante parte rimasta in efficienza.


Elettrosmog

E' l'inquinamento elettromagnetico prodotto dalla tensione della corrente elettrica che alimenta i vari dispositivi elettrici ed elettronici. Le prese elettriche e gli interruttori rappresentano alcune fonti dell'inquinamento. Gli impianti domotici utilizzano tensioni elettriche venti volte inferiori rispetto alle soluzioni tradizionali e quindi riducono l'elettrosmog.


Ethernet

Tecnologia utilizzata per la realizzazione di reti locali (LAN). Extranet Applicazione e architettura di rete complessa che consente ad una azienda di comunicare con soggetti esterni con i quali deve con regolarità scambiare dati e informazioni (agenti, fornitori, clienti, ecc.).


Filodiffusione

Tecnologia che consente di ascoltare programmi radiofonici in tutte le stanze di una casa o di un ufficio. La radio è "diffusa" grazie a una rete di telecomunicazioni che utilizza il doppino telefonico con cui sono cablati gli edifici serviti dalla telefonia fissa.


ISDN

Integrated Services Digital Network, è la tecnologia digitale che combina la trasmissione di voce e di dati sul medesimo supporto trasmissivo. Konnex KNX (abbreviazione di Konnex) rappresenta il linguaggio standard di progettazione di molti sistemi domotici presenti sul mercato. KNX è fondato sulla logica open source e quindi completamente gratuito. I codici sorgente, che contraddistinguono il linguaggio di programmazione, sono pubblici e utilizzati liberamente dai system integrator. KNX è riconosciuto uno degli standard mondiali.


LAN

Acronimo per Local Area Network è un tipo di rete informatica con un'estensione limitata, che di solito serve abitazioni private e aziende per facilitare il flusso di dati e informazioni.


Metadato

Un metadato (dal greco meta"oltre, dopo" e dal latino datum "informazione" plurale: data), letteralmente "dato su un (altro) dato", è l'informazione che descrive un insieme di dati. Un esempio tipico di metadati è costituito dalla scheda del catalogo di una biblioteca, la quale contiene informazioni circa il contenuto e la posizione di un libro, cioè dati riguardanti i dati che si riferiscono al libro. Un altro contenuto tipico dei metadati può essere la fonte o l'autore dell'insieme di dati descritto oppure le modalità d'accesso, con le eventuali.


Server web

E' un processo, e per estensione il computer su cui è in esecuzione, che si occupa di fornire, su richiesta del browser, una pagina web (spesso scritta in HTML). Le informazioni inviate dal server web viaggiano in rete trasportate dal protocollo


HTTP

L'insieme di server web dà vita al World Wide Web, uno dei servizi più utilizzati di Internet. Sistemi proprietari Lo standard di progettazione della domotica, riconosciuto a livello mondiale e di tipo open source, è Konnex (KNX). Tale linguaggio ha una architettura aperta e quindi la sua struttura è pubblica e utilizzata da numerosi produttori di sistemi domotici. Alcuni attori del mercato della domotica hanno scelto di scrivere un codice proprietario e quindi non convergente rispetto lo standard mondiale (KNX).


Smart cards

Carta con microchip. Smart House Abitazione soprattutto per anziani e disabili con sistemi tecnologici integrati e gestiti anche via web. Smart Router Dispositivo elettronico che realizza le funzioni di istradamento dei pacchetti IP, di connessione con i sistemi di allarme e tecnologici, di server web, firewall e proxy utilizzando una linea ISDN o ADSL.


System integrator

Progettista / installatore di domotica che si occupa di integrare dispositivi di terzi al fine di farli dialogare fra loro. Lo scopo è l'espansione delle potenzialità di funzionamento della domotica. In questo modo l'utente potrà gestire dispositivi di diversa natura: automazioni, sorveglianza, antifurto, home entertainment, etc tramite un canale unico: la domotica. Il fenomeno dell'integrazione dei dispositivi prodotti da terzi porta ad una crescente varietà dell'offerta in termini di prezzo, qualità, design, funzionalità, in grado di soddisfare con maggiore precisione le esigenze del cliente.


Chiedi subito un preventivo!




fonti: glossario-domotica-scuola-30 www.dii.unipd.it